Da venerdì all’Arci secondo weekend col “Festival del pesce di mare”

Staff 01 Cucina

San Lazzaro (Bologna)

Nella “Sala ‘77” dell’Arci di San Lazzaro, in via Bellaria 7, venerdì 30 settembre, riprende la sagra del “Festival del pesce di mare” che proseguirà nei giorni 1 e 2 ottobre, con ricavato destinato al sostegno dei gruppi sportivi che qui hanno sede. E questo è già il 28esimo anno che al finire dell’estate il circolo dà vita alla sagra nata nel 1988.

Il menù proposto dai volontari dell’Arci, diretti da Fausto Milina, prevede tre antipasti, cinque primi, piatto unico zuppa di pesce, sei secondi, contorni, bevande, vini e ruota della fortuna. Per chi non ama il pesce, ma vuol stare con gli amici, c’è la possibilità di un menù alternativo. E’ poi possibile anche l’asporto con la cucina che apre alle 19 alla sera e alle 12 la domenica. Nella “Sala Paradiso” tombola per i soci domenica alle 15; alle 21 di sabato e domenica ballo: l’1 ottobre con l’orchestra Morselli e il 2 ottobre con quella di Stefano Linari.

In occasione del “Festival” il circolo Arci di San Lazzaro donerà 50 centesimi di ogni coperto per sostenere le popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto scorso. Ogni settimana, inoltre, al ristorante del circolo è possibile ordinare l’amatriciana il lunedì a pranzo, e il mercoledì e sabato sia a pranzo che a cena, per ogni piatto due euro saranno destinati alla raccolta fondi a favore dei paesi terremotati.

Dal 29 ottobre all’1 novembre la stagione 2016 delle sagre dell’Arci si chiuderà con la “Sagra dei sapori”; nostrani e di stagione. Per alcuni sarà l’occasione per conoscere questo grande circolo Arci, uno dei più importanti d’Italia, fondato nel lontano 1977 grazie all’iniziativa di alcuni cittadini, diventando poi un importante punto di riferimento e di socializzazione per i sanlazzaresi e non soltanto. Qui i circa 6.000 soci da mattina a sera trovano accoglienza, grazie al bar e alla cucina, a prezzi popolari, e tante attività sportive amatoriali che spaziano dalle bocce al biliardo, dalle carte agli scacchi, dal podismo al ciclismo.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , | Lascia un commento

Festa della storia con Simoncini e Vivarelli

MUSEO  DI  ARTI  E MESTIERI

Pianoro (Bologna)

Nell’ambito dei festeggiamenti per il 25° anniversario della rivista semestrale  “Savena Setta Sambro”, edita dall’omonimo gruppo di studi storici e del territorio, alle 16 di sabato 1 ottobre la sala eventi del Museo di Arti e Mestieri “Pietro Lazzarini” di Pianoro, in via del Gualando 2, ospiterà una conferenza e una mostra fotografica.

La conferenza, a titolo “La storia della rivista” sarà a cura di Adriano Simoncini, storico della montagna e scrittore, che ne è condirettore. La mostra fotografica, con tema “Le nostre valli: cieli, acque, notti, natura …” si compone di bellissime immagini di William Vivarelli, fotografo professionista appassionato di natura e ambiente. La mostra sarà visitabile fino al 23 ottobre (aperture il sabato e la domenica dalle 15 alle 18) e, in occasione della “Festa della Storia”, sono possibili visite guidate per le scuole nei giorni 11, 12, 13, 18, 19 e 20 ottobre con prenotazione obbligatoria al 338-7738701 dalle 9 alle 12).

Sempre dalle 16, ma domenica 2 ottobre, ci sarà la presentazione del libro di Anna Maria Pericolini “All’inizio fu la danza” con anche suonatori, ballerini e alunni delle scuole che eseguiranno antiche danze staccate montanare. Per info: 051.6529105; 051.776927; info@museodiartiemestieri.it; www.museodiartiemestieri.it.

Leggere la rivista “Savena Setta Sambro”, volumi di oltre 200 pagine riccamente illustrati, è come avere tra le mani la storia, le tradizioni, la natura e la cultura sul nostro territorio appenninico, ed è giunta al numero 50 ancora disponibile nelle migliori librerie bolognesi e nelle edicole dei sei comuni di riferimento: Castiglione dei Pepoli, Grizzana Morandi, Loiano, Monghidoro, Monzuno, Pianoro, San Benedetto Val di Sambro e Sasso Marconi. Lo scrittore Adriano Simoncini – nato a San Benedetto Val di Sambro, insegnante poi direttore didattico a Pianoro, da molti decenni come storico si interessa della cultura montanara e contadina, e del dialetto della montagna bolognese temi sui quali ha scritto molti saggi oltre a vari romanzi – ne è condirettore assieme al presidente del gruppo di studi storici Daniele Ravaglia.

William Vivarelli, nato a Granarolo nel 1949, è un fotografo professionista che, per passione, ha rivolto gli obiettivi delle sue reflex sulla natura con risultati di grande eccellenza. Suoi scatti possono essere ammirati nei periodici “Nelle Valli Bolognesi”, “Savena Setta Sambro”, in pubblicazioni della Lipu o in altre a tema naturalistico. Oppure nel suo interessante sito internet www.vivarelli.net. La sua mostra al museo pianorese è l’occasione per ammirarne la maestria.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Pesce contro il cancro a sostegno del Ramazzini

c-milina-04

Nellafoto Fausto Milina, responsabile di cucina delle sagre, allo scodellamento delle cozze

San Lazzaro (Bologna)

Ancora pochi giorni, massimo entro il 27 settembre, per prenotare i posti a tavola per la cena a base di pesce organizzata dai soci di San Lazzaro della cooperativa sociale onlus “Istituto Ramazzini” con il grande circolo Arci sanlazzarese. Già ora è possibile telefonare a Giusi (360-884207), Alfea (339-6735923) o a Leda (338-1154683). La cena si terrà alle 20 di venerdì 30 settembre nella nuova e accogliente “Sala ‘77” dell’Arci, in via Bellaria 7 a San Lazzaro.

La cena di beneficenza, con offerta minima di 27 euro per gli adulti, di 18 per i bambini e di 20 per l’asporto, propone un menù con cozze alla tarantina, spaghetti allo scoglio, coda di rospo, spiedini, e fritto misto col contorno di patatine fritte, acqua, vino e sorbetto. Per chi non piace il pesce c’è la possibilità di un menù alternativo da richiedere espressamente al momento della prenotazione. Roba da leccarsi i baffi, preparata dagli chef dell’Arci, con l’imbarazzo della scelta e con ricavato che sarà destinato alle attività di ricerca e prevenzione dei tumori e delle malattie ambientali e professionali del “Ramazzini”.

Per i soci, ma anche per i non soci dell’Istituto Ramazzini la sezione sanlazzarese, presieduta da Paolo Nicoli, ha organizzato anche alcune interessanti gite con materiale informativo che sarà distribuito in occasione della cena. Per ogni informazione rivolgersi ai numeri citati o al negozio “Le Ramazzine” gestito dalle volontarie sanlazzaresi in via Casanova 14, dove è possibile trovare a prezzi d’occasione capi di abbigliamento, oggetti da arredamento, e articoli vari, nuovi o usati; anche i regali di Natale per sé, per i propri familiari e per gli amici.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

“Valli Savena Idice” notizie e approfondimenti per sei comuni

valli-settembre-2016

Il “parco pubblico” contro la mafia e la criminalità organizzata

Distretto di San Lazzaro (Bologna)

Da qualche settimana nel Distretto di San Lazzaro: comuni di Loiano, Monghidoro, Monterenzio, Ozzano, Pianoro e San Lazzaro, è stata distribuita l’edizione cartacea del numero di settembre del notiziario mensile “Valli Savena Idice” in ristoranti, bar, edicole e negozi. Si tratta di una coloratissima rivista con tante notizie e approfondimenti proposte Comune per Comune oltre ad altre dalla Regione e dalla Città metropolitana. Dato che quasi subito i nostri affezionati lettori non trovano la versione cartacea, che ultimamente va a ruba, possono ancora sfogliare il mensile in modo virtuale, o scaricarlo e stamparlo, collegandosi al sito web: http://hemingwayeditore.wordpress.com.

Nel numero di settembre si legge del progetto del People Mover, e della raccolta differenziata che nei comuni del Distretto sanlazzarese è piuttosto deludente. Poi, a cura di Sarah Buono, i comuni più montani del Distretto. Su Monghidoro un’intervista a Giovanni Maestrami ex sindaco di Loiano e ora vicesindaco a Monghidoro, e la riscoperta dei mulini della valle del Savena. Sulla pagina di Loiano si può leggere dell’illuminazione a led, delle pulizie in pineta, e del legame esistente tra i comuni di Loiano e di Amatrice. In quella di Monterenzio si parla delle dimissione del consigliere Pietro Pellicciari, dello scioglimento della Monterenzio Patrimonio srl società partecipata dal Comune, dei nuovi corsi di musica e di un’iniziativa della Bcc di Monterenzio.

Per gli altri tre comuni, a cura dell’immodesto recensore di queste note, scendendo a Pianoro in evidenza le forti perplessità sul “parco pubblico” nell’edificio sequestrato a Gerardo Cuomo, poi si legge del mercatino Affari di Famiglia di Pian di Macina. Su San Lazzaro si può leggere dei lavori stradali, del consorzio bancario Cse continuamente in espansione, delle iniziative della bocciofila per accostare i giovani a questo sport, e del grande Bosco di Zan comandato da un computer. Infine su Ozzano l’appuntamento con i commercianti in piazza Allende del 25 settembre, dell’incontro del sottoscritto (e non solo) con un lupo, la messa in liquidazione della associazione onlus Civitas Claterna che gestisce gli scavi e le visite alla città romana, e il progetto per la sicurezza urbana “Mille occhi sulla città”.

“Valli Savena Idice” è un notiziario gratuito grazie alle aziende che hanno colto l’opportunità di farsi conoscere, e ricordare, in ambito più vasto e di sostenere la stampa e l’informazione locale.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Venerdì al via, all’Arci, il “Festival del pesce di mare”

a-sala-03-77

San Lazzaro (Bologna)

Venerdì 23 settembre, nella “Sala ‘77” all’Arci di San Lazzaro in via Bellaria 7, prende il via l’attesa sagra “Festival del pesce di mare” che proseguirà nei giorni 24, 25, 30 settembre, e 1 e 2 ottobre, con ricavato destinato al sostegno dei gruppi sportivi che qui hanno sede. E questo è già il 28esimo anno che al finire dell’estate il grande circolo Arci dà il via alla grande sagra nata, a Viserba di Rimini nel 1988, dall’incontro di soci del circolo di San Lazzaro con pescatori, ristoratori e albergatori della riviera romagnola.

Il menù proposto dai volontari dell’Arci prevede tre antipasti, cinque primi, piatto unico zuppa di pesce, sei secondi, contorni, bevande, vini e ruota della fortuna. Per chi non ama il pesce, ma vuol stare con gli amici, c’è la possibilità di un menù alternativo. E’ poi possibile anche l’asporto con la cucina che apre alle 19 alla sera e alle 12 la domenica. Nella “Sala Paradiso” tombola per i soci Arci la domenica alle 15. Alle 21 del sabato e della domenica ballo con musica dal vivo: il 24 con l’orchestra di Tiziano Ghinazzi, il 25 con Andrea e Lorena, l’1 ottobre con l’orchestra Morselli e il 2 ottobre con Stefano Linari.

In occasione del “Festival” il circolo Arci di San Lazzaro donerà 50 centesimi di ogni coperto per sostenere le popolazioni colpite dal sisma del 24 agosto scorso. Ogni settimana, inoltre, al ristorante del circolo è possibile ordinare l’amatriciana il lunedì a pranzo, e il mercoledì e sabato sia a pranzo che a cena, per ogni piatto due euro saranno destinati alla raccolta fondi a favore dei paesi terremotati.

Dal 29 ottobre all’1 novembre la stagione 2016 delle sagre dell’Arci si chiuderà con la “Sagra dei sapori”; nostrani e di stagione. Per alcuni sarà l’occasione per conoscere questo grande circolo Arci, uno dei più importanti d’Italia, fondato nel lontano 1977 grazie all’iniziativa di alcuni cittadini, diventando poi un importante punto di riferimento e di socializzazione per i sanlazzaresi e non soltanto. Qui i circa 6.000 soci da mattina a sera trovano accoglienza, grazie al bar e alla cucina, a prezzi popolari, e tante attività sportive amatoriali che spaziano dalle bocce al biliardo, dalle carte agli scacchi, dal podismo al ciclismo.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

Pesce a sostegno del Ramazzini contro il cancro

z-nicoli-01-busi

Nell’edizione 2015, da sinistra, Paolo Nicoli e il direttore del Ramazzini Pier Paolo Busi

San Lazzaro (Bologna)

Già ora potete telefonare a Giusi (360-884207), ad Alfea (339-6735923) oppure a Leda (338-1154683), per prenotare posti a tavola per la cena a base di pesce organizzata dai soci di San Lazzaro della cooperativa sociale onlus “Istituto Ramazzini” in collaborazione con il circolo Arci sanlazzarese. Cena, che si terrà alle 20 di venerdì 30 settembre nell’accogliente “Sala ‘77” dell’Arci, in via Bellaria 7 a San Lazzaro, con prenotazioni obbligatorie entro il 27 settembre.

La cena di beneficenza, con offerta minima di 27 euro per gli adulti, di 18 per i bambini e di 20 euro per l’asporto, propone un menù composto da cozze alla tarantina, spaghetti allo scoglio, coda di rospo, spiedini rosso e bianco, e fritto misto col contorno di patatine fritte, acqua, vino e sorbetto. Per chi proprio non piace il pesce, ma vuole stare in compagnia c’è la possibilità di un menù alternativo da richiedere al momento della prenotazione. Roba da leccarsi i baffi, preparata dai provetti chef dell’Arci, con l’imbarazzo della scelta e con ricavato che sarà destinato alle attività di ricerca e prevenzione dei tumori e delle malattie ambientali e professionali del “Ramazzini”.

Per i soci, ma anche per i non soci dell’Istituto Ramazzini la sezione sanlazzarese, presieduta da Paolo Nicoli, ha organizzato anche alcune interessanti gite con materiale informativo che sarà distribuito in occasione della cena. Per ogni informazione rivolgersi ai numeri citati o al negozio “Le Ramazzine” gestito dalle volontarie sanlazzaresi in via Casanova 14, dove è possibile trovare a prezzi d’occasione capi di abbigliamento, oggetti da arredamento, e articoli vari, nuovi o usati; anche i regali di Natale per sé, per i propri familiari e per gli amici.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

Il 10 e 11 settembre Busker’s Festival, Volontassociate e altro ancora

Locandina Buskers 2016

Pianoro

Il 10 e 11 settembre fine settimana festoso per le strade del centro di Pianoro che si riempiranno di gente per la concomitanza, voluta, di varie iniziative. Sabato 10 si inizia alle 8.30 al Pianoro Factory di via dello Sport 2, con iscrizioni al “Rimescolone” palio sportivo a squadre con tornei in varie discipline organizzato dall’associazione Myrmica che in questa edizione al “Rimescolone” dei concorrenti più grandi affiancherà un “Rimescolino”, per i piccoli, che si svolgerà domenica.

Dalle 16 alle 24 di sabato 10, e dalle 9 alle 21 di domenica 11, si terrà l’edizione 2016 dell’ormai tradizionale “Busker’s Festival” con le esibizioni di artisti di strada provenienti da varie parti del mondo. Alle 16.30 di sabato 10 nella sala eventi del Museo di Arti e Mestieri “Pietro Lazzarini”, in via del Gualando 2, verrà aperta la mostra “Il maniscalco”, dedicata agli equini e alle storie di mascalcia, a cura di Gianni Neri e Marta Nicoli. La mostra sarà visitabile gratuitamente nel weekend successivo, chiude infatti il 18 settembre, e durante la settimana è possibile farlo su prenotazione col versamento di un piccolo contributo. A seguire ci sarà la presentazione di Ivan Orsini del libro “Il maniscalco racconta” con storie di mascalcia e tradizioni, scritto da Gianni Neri, che ha fatto di una passione per la ferratura di cavalli, muli e asini un mestiere sempre più raro e ricercato.

Domenica 11, dalle 9, “Passeggiata al Contrafforte Pliocenico” con ritrovo nella piazzetta di Livergnano; info 366-7062145. Dalle 9 alle 21, in concomitanza con le iniziative del “Busker’s Festival”, che presenta anche banchetti di hobbisti e artigiani artisti, per le vie del centro di Pianoro ci sarà anche “Volontassociate” come grande festa dell’associazionismo e del volontariato locale. Grazie ai gazebo delle associazioni di volontariato sociale, culturale e sportivo sarà possibile conoscerle, contattarle e magari condividerne idee e iniziative. In vari momenti della manifestazione le associazioni si esibiranno sul palco allestito in corso Esperanto, per condividere con il pubblico il proprio impegno di volontariato personale a sostegno della solidarietà.

I festival, “Busker’s Festival” e “Volontassociate” sono organizzati dal comitato dei commercianti di Pianoro, in collaborazione con il coordinamento del volontariato bolognese Volabo e con il Comune di Pianoro. Oltre a punti ristoro per tutti i gusti, sarà allestita un’area bimbi con vari laboratori nella piazzetta Carlo Levi. Alle 21 ci sarà l’estrazione dei premi della lotteria di beneficenza con ricavato che sarà devoluto all’associazione Assisla che assiste i malati di Sla.

Per l’occasione molti negozi di Pianoro Nuovo saranno aperti fino alla mezzanotte ci saranno anche stand enogastronomici per mangiare e bere, in compagnia e allegria, cercando di accontentare tutti i gusti.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento