Sagra di San Pietro nella parrocchia di Rastignano

Collage San Pietro

Il logo della Sagra e la locandina del film

Pianoro (Bologna)

Venerdì 29, sabato 30 giugno e domenica 1 luglio nella parrocchia di Rastignano si terrà la Sagra di San Pietro con in orario preserale stand gastronomico, bar, gelateria, giochi e attrazioni varie. Venerdì 29 alle 19 messa solenne con inaugurazione del nuovo “Parco dei bambini nati in cielo” seguita alle 20 da una cena comunitaria e dalle finalissime del 5° Trofeo di Rastignano. Torneo di calcio a sette che si è svolto, a partire dall’11 giugno, nel nuovo e bellissimo campo da calcio parrocchiale in sintetico, che ha visto la partecipazione di tanti ragazzi. Per l’occasione il servizio di bar, autogestito dai giovani, ha ampliato il suo menù con piadine, hamburger e bibite alla spina.

Alle 21 di sabato 30 giugno, invece, nel salone del bar con visione gratuita ci sarà la proiezione del film “Ameluk”, in collaborazione con l’associazione di volontariato culturale e sociale Amici di Tamara e Davide, e con la partecipazione di Carlo Dellonte che del film ne è coautore e cosceneggiatore. Il filmato, girato nel 2015, ha una durata di 90 minuti ed è stato diretto da Mimmo Mancini. E’ una storia che si svolge in un piccolo comune pugliese mentre prepara le festività della Pasqua organizzando la Via Crucis del venerdì santo. Sennonché chi deve sostenere la parte di Gesù, il barbiere locale, ha un infortunio e il parroco decide quindi di sostituirlo con Jusuf, il tecnico delle luci, che in paese è chiamato Ameluk, che però e giordano e di fede islamica. Questa decisione di far interpretare la drammatica Passione di Cristo a un musulmano sconvolge gli abitanti del paese pugliese che poi si dividono tra sostenitori e calunniatori. Con i sostenitori che addirittura decidono di candidare il musulmano Jusuf a sindaco, nelle imminenti elezioni comunali, contro i signorotti locali. Un film che strapperà agli spettatori sorrisi e risate ma fornirà anche argomenti di riflessione.

Domenica 1 luglio alle 11.30 ci sarà una messa presieduta dal vescovo ausiliare emerito di Bologna, monsignor Ernesto Vecchi, seguita dalla benedizione inaugurale della nuova vetrata del battistero della chiesa. Vetrata artistica realizzata dallo scultore e ceramista faentino Goffredo Gaeta in collaborazione con la vetreria artistica Giordano Capiani di Faenza (Ravenna). In pratica l’opera d’arte riguarda le dieci finestre della parete di sinistra, quella a nord della chiesa, completando il progetto promosso dall’ex parroco don Severino Stagni, oggi parroco a Ozzano, grazie a una donazione della famiglia Sazzini. Un’opera che non arricchisce solo la chiesa ma l’intera comunità di Rastignano.

Giancarlo Fabbri

Annunci
Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Pianoro e dintorni in “Savena Setta Sambro”

02 Loredana e Alberto Pudioli

Loredana e Alberto Pudioli nella loro storica bottega

Pianoro (Bologna)

Sul numero 54 del periodico semestrale di storia, cultura e ambiente “Savena Setta Sambro”, edito dalla Minerva per conto dell’omonimo Gruppo di studi, ora in edicola, ci sono molti argomenti su Pianoro e dintorni. Molto immodestamente cito il saggio-intervista “Alimentari Pudioli: cent’anni di un’istituzione rastignanese” dove Alberto Pudioli nipote racconta una saga familiare, che ha fatto la storia della frazione, mentre descrive com’era l’antico Palazzaccio che fu abbattuto negli anni Sessanta per poi costruirvi sopra l’attuale palazzone. Poi cito la recensione del mio libro “Acqua passata. Storie cronache e personaggi di Pianoro”, raccolta di articoli pubblicati sulla rivista, magistralmente scritta dallo storico e scrittore pianorese Adriano Simoncini.

Con Simoncini che nello stesso volume ha presentato altri due libri di autori pianoresi, pure questi editi dal Gruppo di studi Savena, Setta e Sambro: “Dín dón campanón”, raccolta di testi dialettali di Maurizia Lazzarini e Adriano Simoncini, e “Il sangue di Panico” un romanzo di ambientazione medioevale opera prima di Atos Benaglia; e uno di Marco Nascetti, classe 1925 di San Benedetto Val di Sambro, a titolo “Una favola vera… ”, edito da Savena, Setta e Sambro, dove racconta la vita nell’Appennino nel fosco periodo tra le due guerre mondiali. Per info, abbonamenti e arretrati aprire il sito web del gruppo di studi: www.savenasettasambro.com oppure inviare una e-mail all’indirizzo: redazione@savenasettasambro.com.

Ritornando al folto sommario Domenico Cerami racconta del culto di Sant’Antonio Abate nell’Appennino, Danilo Demaria dei ribelli della montagna e della fascinosa Grotta delle Fate di Monte Adone, ancora Simoncini sulla biblioteca di Pianoro (o di Babele), Roberto Da Re sulla bonifica e la forestazione dl territorio nel dopoguerra, Romano Colombazzi di Silvio Mucini sindaco della ricostruzione di Pianoro, Gian Luigi Zucchini degli artisti pianoresi Paolo Medici pittore e Roberto Da Re nelle vesti di scultore, Giuseppe (Pino) Rivalta sui botroidi e sui cogoli di arenaria della Val di Zena (da visitare il Museo dei Botroidi di Tazzola al Monte delle Formiche), Umberto Fusini e William Vivarelli ci raccontano (con belle foto) del Barbagianni, il botanico Giancarlo Marconi ci descrive il noce, Franco Calzolari il lungo assestarsi del fronte lungo la Linea Gotica e il Contrafforte pliocenico, Ferruccio Teglia di Pian di Macina ci racconta dell’orto biologico dei contadini di un tempo, poi il tema di Simone studente pianorese di scuola media e infine la notizia della mostra fotografica di William Vivarelli esposta in regione fino a tutto luglio.

E scusatemi se pensate che ci sia poco di … Pianoro e dintorni.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Già in edicola la natura, la storia e le storie delle valli bolognesi

Collage Sasesa 54

Nalla foto la copertina del libro e William Vivarelli premiato da Daniele Ravaglia

Appennino bolognese

Savena, Setta e Sambro sono i nomi di tre torrenti dell’Appennino bolognese ma tali nomi, insieme, compongono la testate di una rivista semestrale che ha colmato un vuoto nel panorama culturale del vasto territorio interessato dai tre nostri corsi d’acqua. E non sfugge ai più che l’acqua è simbolo di vita, di conoscenza e di saggezza trasmessa anche attraverso la bella immagine di copertina – la foto di William Vivarelli di un fresco rio di montagna – del “Savena Setta Sambro” numero 54. Un periodico semestrale di storia, cultura e ambiente, edito da Minerva per conto dell’omonimo gruppo di studi storici, che lo scorso 17 giugno è stato presentato in sede a Monzuno. A rimarcare l’importanza dell’evento la presenza, oltre che dei collaboratori, di amministratori locali dell’Appennino e di personalità della cultura.

Un numero 54, stampato e distribuito a Bologna dalla casa editrice Minerva, che è già disponibile anche nelle edicole dei sei comuni interessati dal lavoro del gruppo di studi: Castiglione dei Pepoli, Grizzana Morandi, Loiano, Monghidoro, Monzuno, Pianoro, San Benedetto Val di Sambro e Sasso Marconi. Il suo sottotitolo: “Rivista semestrale di storia, cultura e ambiente” evidenzia i suoi indirizzi di documentazione, raccolta e divulgazione su quanto riguarda la ricerca storica, geofisica, naturalistica, culturale e artistica della montagna.

Un vero libro, ha 208 pagine, che ha come condirettori il presidente del Gruppo di studi Daniele Ravaglia, direttore generale di Emilbanca, e lo scrittore Adriano Simoncini dove i 36 articoli che lo compongono formano, con i volumi precedenti, una sorta di enciclopedia storica e naturalistica del territorio. Il volume in brossura, sobrio, elegante, con una grafica rinnovata, rende infatti possibile approfondire lo studio del tessuto antropologico e naturalistico di questo territorio ricco di testimonianze. E raccogliere l’intera collana, anche se purtroppo non tutti gli arretrati sono disponibili, è quasi come avere nella propria biblioteca, o in quella della scuola, un patrimonio culturale e storico che cresce ogni anno. La rivista contiene infatti interventi, articoli e saggi brevi accompagnati da molte immagini, quasi tutte inedite, con un vasto ventaglio di argomenti per poter accontentare ogni persona che ami questi luoghi. Per informazioni, abbonamenti e arretrati aprire il sito web del gruppo di studi: www.savenasettasambro.com o inviare una e-mail all’indirizzo: redazione@savenasettasambro.com.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

I misteri della Croara tra castelli e fortezze scomparse

Forte 01 Monte Calvo

Il forte di Monte Calvo simile a quello scomparso sul Monte Croara

San Lazzaro (Bologna)

Tra i misteri della Croara possiamo aggiungere anche quelli relativi ai castelli e ai fortini scomparsi nell’area a cavallo del confine tra i comuni di Pianoro e San Lazzaro. Infatti se ci sono dubbi sull’esatta collocazione dell’antico castello Castro Corvariae (Castello dei Corvi), citato in un documento del 1084. C’è chi lo pone alla sommità del colle della Croara (Mons Corvariae), altri ancora nel vicino colle denominato “Monte Castello”, toponimo ripetuto sulla vicina casa colonica detta “Predio Castello”, o “il Castello”, non ci sono dubbi che sul colle della Croara ci fu una fortificazione militare, così pure come su Monte Calvo e altre alture vicine o attorno a Bologna.

Oggi non se ne vede traccia tranne un fosso, a mo’ di trincea, sia perché la cima del colle è coperta di vegetazione sia perché la parte sud-ovest del colle, il versante sulla valle chiusa dell’Acquafredda, fu demolita dai lavori di cavatura della selenite (gesso). Lo stesso interno della collina fu svuotato a spirale, come una chiocciola, fin quasi un centinaio di metri di profondità dall’imboccatura di quella che oggi è chiamata “Grotta Gionni”, che si affaccia sulla pianorese via Ca’ Bianca, distruggendo anche cinque cavità naturali.

Da un’indagine preliminare e sommaria, condotta alla fine degli anni ’90, sembra che i resti del forte furono ricoperti dalla terra di scarto della cava aperta negli anni ‘50 dalla Iecme. Impianto che, assieme ad altri, fece scomparire le piccole cave dei gessaroli che ricavavano poche tonnellate di roccia. Infatti nel bolognese, dal 1945 al 1972, furono asportati, cotti e macinati più di due milioni di tonnellate di selenite. Parte del forte quindi dovrebbe essere ancora sotto il terreno. Con Giovanni (Gionni) Saporito, proprietario dell’ex cava, che venti anni fa espresse l’intenzione di fare dei sondaggi per trovare eventuali resti della fortificazione e, se ci sono ancora, riportarli alla luce.

Pensando a quel forte, e ai tanti altri dell’apparato difensivo militare posto a difesa di Bologna, viene istintivo accostarlo all’immaginaria Fortezza Bastiani del libro “Il deserto dei tartari” di Dino Buzzati. Una struttura militare realizzata e presidiata da un contingente in armi in vista di un attacco da parte dei tartari, nel nostro caso gli austriaci, che non arriveranno mai.

Forte Croara faceva infatti parte di una cerchia difensiva realizzata nel 1859 dopo la cacciata degli austriaci. Per evitare la riconquista di Bologna il governo bolognese, con l’appoggio piemontese, si unì in lega con Parma, Modena, Firenze e le legazioni emiliano-romagnole per fronteggiare un’eventuale azione militare degli austriaci e dell’esercito pontificio. Partendo da Casalecchio sino a San Ruffillo, sul piano, poi sulle cime dei colli a sud di Bologna, il perimetro della città fu costellato da una linea di forti e batterie voluta dal generale Manfredo Fanti, comandante della Lega. Nella sola valle del Savena c’erano nel versante sinistro, sotto il Comune di Bologna, i forti di Monte Donato, Paderno, Camaldoli, Bandiera, Barbiano, Jola e, nel destro, quello di Biancano nel Comune di San Lazzaro con la batteria di Miserazzano, e nel Comune di Pianoro: Monte Calvo, Croara, Calvadello, con le batterie Sampiera e Canovazza. A valle le batterie San Ruffillo, Bastia, Lunetta Gamberini, la polveriera di Rastignano, al Paleotto, per la fabbricazione e il deposito delle munizioni.

Il trinceramento fortificato aveva un organico di ben 25 mila uomini che disponevano di 496 tra cannoni ed obici dei quali 204 per le postazioni di pianura e 292 per quelle sui colli. Con l’annessione del marzo 1860 svanivano i timori di un’invasione ma le opere militari furono completate. Dopo cinque anni le opere erette furono dichiarate inutili dalla Commissione permanente per la difesa dello Stato e, nello stesso anno, moriva il Fanti. Alcune fortificazioni, polveriere e dei magazzini furono poi riadattate dal Genio militare per altri usi; il resto fu lasciato nel completo abbandono e di quasi tutti, se non ne perse la memoria, se ne perse la traccia.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Due giorni di “Ozzano InCanto” alla Quaderna

Villa 04 Isolani

Ozzano (Bologna)

I prossimi giovedì 21 e venerdì 22 giugno alla Quaderna di Ozzano si terrà la seconda edizione di “Ozzano InCanto”, un festival per corali promosso e organizzato dalle associazioni Gruppo Musicale di Ozzano (www.musicaozzano.it) e Archivio Sonoro col patrocinio del Comune di Ozzano. Il programma: giovedì 21 giugno alle 20.30, a Villa Isolani in via Molino 6, si esibiranno la corale Quadriclavio di Bologna diretta da Lorenzo Bizzarri e la corale Polifonia Santa Rita, sempre di Bologna, diretta da Cristian Gentilini; venerdì 22 giugno, alla stessa ora, nella chiesa di Santa Maria della Quaderna, in via Bertella 60, si terrà il saggio finale del corso per direttori di coro “Progetto Chorus 2018” organizzato dalla società corale Euridice con direttore artistico Pierpaolo Scattolin. I cori laboratorio partecipanti sono: coro Madre Francesca Foresti di Ozzano, diretta da Michele Ferrari; la Libera Sonum Ensemble di Urbania (PU) diretta da Simone Spinaci; il coro Euridice di Bologna con direttori Pierpaolo Scattolin e Maurizio Guernieri. L’ingresso alle serate è libero e gratuito. Dopo i concerti buffet per cantare e stare insieme in allegria.

L’intento del festival, ci spiegano dalle associazioni organizzatrici, è di promuovere e divulgare la musica corale, senza l’ausilio di impianti di amplificazione, per valorizzare un ascolto acustico e di realizzare eventi in luoghi belli e interessanti del territorio ozzanese. Particolarità del festival, diventato un appuntamento fisso nell’agenda annuale della cultura bolognese, è il valorizzare il canto corale nelle sue molte forme: religiosa, popolare, antica, contemporanea e di ricerca.

Gli organizzatori sono infatti convinti che la musica corale ha la grande importanza, e il fascino, di donare a chi la esegue e a chi la ascolta una emozione intensa e unica. Inoltre si pone l’accento su cosa significhi cantare in coro: condividere un’attività, anche se hobbistica, per un fine comune in cui il contributo di ciascuno degli elementi che formano il coro è fondamentale. Cantare in un coro significa anche trovarsi ogni settimana alle prove, non solo per trascorrere del tempo insieme, anche per una crescita personale di ciascun individuo che si mette in relazione con gli altri in modo costruttivo e soddisfacente.

I canti e le interviste fatte ai direttori dei cori vengono documentati, e alle corali selezionate per il festival viene fatto dono di dvd video e registrazioni professionali degli eventi a cui hanno partecipato. E tali contributi servono anche a mantenere l’attività divulgativa del festival tramite web. Infine il festival “Ozzano InCanto” partecipa alla festa europea della musica.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Presentazione del libro “Acqua passata”

foto e vol

Pianoro (Bologna)

Ricordo agli amici di Facebook, e ai miei tre lettori, che alle 21 di sabato 16 giugno nella sala dibattiti della Festa dell’Unità di Carteria, in via Nazionale 56/2 a Rastignano di Pianoro, verrà presentato il mio libro “Acqua passata. Storie, cronache e personaggi di Pianoro”. Volume che riunisce i miei articoli riguardanti il territorio di Pianoro, ma non solo, pubblicati dal 1992 al 2017 sulla rivista semestrale di studi storici “Savena Setta Sambro”.

Aprirà la presentazione il sindaco di Pianoro Gabriele Minghetti che guiderà una discussione, sulla storia locale pianorese e sul libro, con la partecipazione dell’autore del volume e dello storico e scrittore don Orfeo Facchini parroco di Sant’Andrea di Sesto, di San Bartolomeo di Musiano e rettore del Santuario di Santa Maria di Zena al Monte delle Formiche. Sacerdote appassionato di storia autore di “Monte delle Formiche” (con Gaetano Marchetti, 1990), “Andar per chiese e castelli” (con Imelde Bentivogli, 1993), “Andar per santuari” (con Imelde Bentivogli, 1995), e “Lungo il Savena di chiesa in chiesa” (2017). In conclusione eventuali interventi dei presenti e firma copie, sempre se qualcuno richiede delle copie del libro.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Stasera alla Festa dell’Unità assemblea su: Nodo, Sfm e ciclabili

A Ossatura 04 Ponte

Pianoro (Bologna)

Stasera 13 giugno, alle 21, a Pianoro nello spazio dibattiti della Festa dell’Unità, a Carteria di Sesto, ci sarà un incontro pubblico sui temi del Nodo di Rastignano, della ferrovia Sfm e delle piste ciclabili. Vi prenderanno parte, per dare notizie e aggiornamenti sullo stato di fatto e sui progetti, l’assessore regionale alla mobilità Raffaele Donini, l’assessore alla viabilità di Bologna Irene Priolo, il consigliere delegato (assessore) alla mobilità della Città metropolitana bolognese Marco Monesi e il sindaco di Pianoro, Gabriele Minghetti anche nella veste di presidente dell’Unione comunale Savena Idice. Con la speranza di avere buone notizie.

Come ho scritto sul mensile “Un’Idea di Appennino” – in distribuzione gratuita in questi giorni, disponibile sul web all’indirizzo hemingwayeditore.wordpress.com – col varo del troncone centrale lo scorso 17 maggio a San Ruffillo è stata completata l’ossatura del nuovo ponte stradale sul Savena funzionale al primo lotto dei lavori per sciogliere il cosiddetto, e famigerato, “Nodo di Rastignano”. Ossatura in carpenteria metallica composta da due paratie laterali e una doppia centina centrale, unite da longheroni trasversali, con cinque luci o campate, poggianti su quattro pile e le due testate in cemento armato. Lungo manufatto che dovrà poi essere completato dalle rampe di accesso in rilevato e dal piano stradale in lastroni in cemento uniti da armature e getti di calcestruzzo, poi asfalti, parapetti, eccetera. In pratica questo viadotto, che oltretutto supera il dislivello esistente da via del Pozzo a via Bastia, dovrebbe essere l’opera più consistente da realizzare per il primo lotto. Ma c’è ancora tanto da fare.

Per sciogliere il nodo c’è anche da avviare il secondo lotto col lungo viadotto dal Trappolone di San Lazzaro (via Madre Teresa di Calcutta) al Paleotto di Bologna (via del Paleotto) per superare la ferrovia “Direttissima”, la provinciale Sp 65 “della Futa” (via Costa) e il torrente Savena per congiungersi con la strada provinciale di Fondovalle Savena (via De Gasperi). E qui si rivela che quella che sembrò una catastrofe per il completamento del Nodo, lo storno del finanziamento dalle opere collegate al “Passante di mezzo” al “Patto per Bologna”, si rivela forse provvidenziale nel caso che con il nuovo governo giallo-verde (M5S e Lega) dovesse venire rimesso in discussione il “Passante di mezzo” per un ipotetico “Passante sud”, caro al centrodestra, che rimanderebbe tutto di alcuni decenni. Riguardo all’Sfm (Sistema ferroviario metropolitano) è lontano il completamento del progetto e il cadenzamento delle corse. E anche un reticolo metropolitano ciclabile sicuro che, come dicono a Bologna, avanza a pezzi e bocconi. Speriamo quindi di sentirne delle belle, le brutte le sentiamo da quarant’anni; o più.

Giancarlo Fabbri

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento