All’Itc Teatro, venerdì, “Gli equilibristi” anche per i sordi

In un precedente spettacolo per sordi in alto lo schermo con i dialoghi degli attori

In un precedente spettacolo per sordi in alto lo schermo con i dialoghi degli attori

San Lazzaro (Bologna)

All’Itc Teatro di San Lazzaro (Bologna), in via Rimembranze 26, alle 21 di venerdì 19 dicembre, va in scena lo spettacolo “Gli equilibristi” in una versione speciale, con sovra titoli, comprensibile anche per i non udenti. Questa possibilità a favore dei sordi è stata data grazie all’associazione Agfa-Fiadda di Bologna, presieduta dalla docente Luisa Mazzeo dell’Università di Bologna, che da un lustro si è attivata con teatri e cinema per l’introduzione dei sovra titoli. Lo spettacolo sarà poi replicato, ma senza la proiezione dei dialoghi sullo schermo, sabato 20 alle 21, e domenica 21 dicembre alle 16.30 e alle 21.
Lo spettacolo “Gli equilibristi” è prodotto dalla Compagnia del Teatro dell’Argine, di San Lazzaro, con drammaturgia di Giulia D’Amico, Pietro Floridia, Valentina Kastlunger e Andrea Paolucci, che ne ha anche curato la regia, con su una pedana di quattro metri per tre e una parete inclinata quattro giovani attori: Caterina Bartoletti, Lorenzo Cimmino, Giovanni Malaguti e Ida Strizzi. Sabato 20 dicembre, dopo lo spettacolo, ci sarà un incontro con gli interpreti e gli autori.
All’aprirsi del sipario si dipana un turbinio di situazioni sulla scuola di ieri, e su quella di oggi, quella dei secchioni e dei bocciati, quella delle merendine flosce e delle prof vampiro. Uno spettacolo che racconta, dal punto di vista di quattro adolescenti, un universo fatto di emozioni vissute all’eccesso, un mondo dove “o tutto o niente”, un mondo dove se detesti il tuo sedere lo copri con sette maglioni, se non sopporti la Pazzaglia vorresti darle fuoco alla macchina e se ami la Cecchini ti spari 2000 chilometri e la raggiungi in gita scolastica e le dici che è per sempre. Perché a quell’età è così. Si va fino in fondo. Senza mezze misure. Sempre correndo sul filo. Sempre in equilibrio.
Per i non udenti il biglietto ha un costo ridotto con prenotazione del posto obbligatoria, allo 051.6270150 o via e-mail (info@itcteatro.it), che permette di riservare alle persone sorde i posti migliori per la lettura dei sovra titoli proiettati su uno schermo sovrastante l’azione scenica. Il biglietto può poi essere ritirato la sera dello spettacolo alla biglietteria dell’Itc Teatro. Per informazioni: 051.798060. I prossimi spettacoli della stagione di prosa dell’Itc Teatro, rivolti ai non udenti si terranno l’1 marzo, con “Tredici a tavola” di Marc Sauvignon, e il 19 marzo con “Pitùr” (Antonio Ligabue) di Mario Perrotta.

Giancarlo Fabbri

Annunci

Informazioni su savenaidice

Giornalista freelance
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...