Martedì sera assemblea sulla rotatoria delle Oche

Immagine

Il sindaco di Pianoro, Gabriele Minghetti, mostra il progetto della rotatoria

Pianoro (Bologna)

Martedì 11 marzo alle 20.30, nel centro civico di Rastignano ex scuole di via Costa 66, si terrà un’assemblea pubblica sul tema della futura rotatoria che risolverà definitivamente anche il problematico incrocio tra le vie Costa (Sp 65 “della Futa”), De Gasperi (Ponte delle Oche e Fondovalle Savena) e Marzabotto (che sarà successivamente a senso unico in entrata) dove avvengono numerosi incidenti. Assemblea che è stata convocata da Marco Rovati presidente della consulta di frazione competente per le località Rastignano, Montecalvo, Sesto e Carteria, con la partecipazione della giunta, per fare il punto della situazione.

Infatti lo scorso 6 marzo è stata completata la demolizione di un vecchio stabilimento da decenni in disuso, ora ridotto a un cumulo di macerie, racchiuso tra le vie Marzabotto e Costa e dalla vecchia linea ferroviaria “Direttissima” Bologna-Prato-Firenze. E con l’assemblea sindaco, assessori e tecnici avranno modo di illustrare il progetto e le fasi di realizzazione. Un progetto, finanziato dal Comune di Pianoro, che poi consentirà di realizzare a lato di via Costa un nuovo capolinea per poter prolungare la linea di filobus Tper 13 da via Pavese, al Trappolone di Bologna, al Ponte delle Oche a Rastignano.

Opportuno quindi un aggiornamento visto che si dava come certo l’inizio dei lavori per la linea del filobus alla fine di settembre del 2013. Tempi che si sono allungati per la necessaria approvazione di varianti ai piani urbanistici, da parte dei comuni interessati (Bologna, Pianoro e San Lazzaro). Atti dovuti per poter avviare la conferenza dei servizi, che si è svolta lo scorso 11 novembre, e per poter poi avviare le procedure di esproprio delle particelle di suoli dove posare i pali di sostegno della rete di alimentazione elettrica. Ma però, al momento, per poter partire manca ancora il consenso della Soprintendenza.

Quindi il Comune di Pianoro dopo l’abbattimento del capannone proseguirà con le opere stradali comprendenti la rotatoria, il capolinea poco prima della rotonda e i nuovi parcheggi che sono previsti a ridosso della ferrovia. Mentre Tper avrà in carico le opere necessarie a portare il filobus a Rastignano con un progetto finanziato con circa un milione di euro di cui metà dalla Regione e l’altra metà da Tper.

E’ probabile che nell’assemblea vengano resi noti aggiornamenti anche riguardo al cosiddetto “Nodo di Rastignano”, di cui dovrebbero iniziare lavori che riguarderanno però soltanto un primo stralcio (da via Corelli a via Buozzi) già finanziato con circa 28 milioni di euro.

Giancarlo Fabbri

Annunci

Informazioni su savenaidice

Giornalista freelance
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Martedì sera assemblea sulla rotatoria delle Oche

  1. michele ha detto:

    Buongiorno, credo che qualsiasi persona di buon senso possa rendersi conto dell’inutilità della rotonda per quanto riguarda lo “snellire” il traffico: le vetture sulla statale dovranno fermarsi per dare la precedenza alle vetture che impegnano la rotatoria; gli autoarticolati provenienti da Pianoro avranno difficoltà in rotatoria ecc… in certi orari di punta si creeranno code molto lunghe (sicuramente più di quelle che si verificano attualmente) sia in direzione Bologna che in direzione Pianoro. Quello che manca è il buon senso…o forse c’è malafede.

    • savenaidice ha detto:

      Può darsi che abbia ragione, non sono un tecnico ma un semplice reporter, ma almeno si sta cercando di eliminare non tanto le file quanto il rischio di incidenti. Ricordo però che la sua opinione è stata espressa molte volte in occasione di presentazioni di progetti di rotatorie ma evidentemente non è così perchè a partire da 15 anni fa ne sono state realizzate numerose e altre ne saranno realizzate.
      Personalmente risiedo a Rastignano, nella via Marzabotto (ora chiusa) che è interessata dai lavori della rotonda, e le confesso che da alcuni anni se devo andare verso Pianoro non esco più dall’incrocio col ponte delle Oche ma da via Rodari di fronte al “Cavallino Bianco” dove c’è una buona visibilità e una corsia centrale di accumulo. In ogni caso grazie per avermi espresso il suo parere; forse ormai tardivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...