Una bella iniziativa per ricordare Luigi Fantini

Immagine

Distretto di San Lazzaro (Bologna)

Finalmente si ricorda degnamente la figura di Luigi Fantini a quasi vent’anni dalle importanti iniziative svoltesi a Bologna, nel 1995, in occasione del centenario della sua nascita. A partire dall’1 marzo, a San Lazzaro nella Sala di Città del municipio in via Emilia 92, Fantini sarà ricordato con una mostra itinerante che interesserà tutti i comuni del Distretto sanlazzarese e per ben due volte Ozzano. Con la mostra sanlazzarese che resterà aperta fino al 23 marzo con orari di visite il martedì e il giovedì dalle 16 alle 18.30, il sabato dalle 9.30 alle 12, la domenica dalle 16 alle 19; per comitive, scolaresche e visite guidate, su appuntamento, telefonare al numero telefonico 051.465132.

Ma lo scopo della mostra, a titolo “Ricercaro Appenninico”, è anche quello di valorizzare, ripercorrere e rileggere natura, geologia, storia e preistoria dell’ampio e articolato sistema vallivo dei torrenti Savena, Zena, Idice e Quaderna, attraverso l’ottica originale e irripetibile di Luigi Fantini. Un pioneristico esploratore speleologico, paletnologo ricercatore autodidatta nei vari ambiti delle discipline naturalistiche, storiche e preistoriche del nostro Appennino bolognese. Un singolare personaggio denigrato dalla scienza ufficiale, poi rivalutato, che nel territorio aveva il poco lusinghiero appellativo di “al matt di sass”. La mostra consiste in ventuno pannelli illustrativi che ripercorrono la vita di Fantini attraverso testi e immagini. Due punti di proiezione saranno dedicati a documentari video poi sei vetrine accoglieranno testimonianze del ricercatore: reperti paletnologici, fotografie, cimeli, lettere e manoscritti autografi, opere a stampa, reperti mineralogici, cartografie e mappe, appunti. Infine l’esposizione di un importante “corpus” di stampe fotografiche di Luigi Fantini, sull’edilizia civile dell’Appennino bolognese, curata dallo scrittore Adriano Simoncini.

Sabato 1 marzo, alle 16, a presentare l’esposizione il sindaco Marco Macciantelli, l’assessore provinciale Giuseppe De Biasi, quello sanlazzarese Roberta Ballotta, il presidente della Comunità del Parco Giorgio Archetti. Poi le relazioni di FiorenzoFacchini, Mario Fanti e Simoncini. A seguire la mostra sarà a: Pianoro (29 marzo-27 aprile), Settefonti di Ozzano (3 maggio-1 giugno), Loiano (12 luglio-3 agosto), Monghidoro (9 agosto-7 settembre), Monterenzio (13 settembre-12 ottobre), e Ozzano capoluogo (18 ottobre-16 novembre). Un giusto e doveroso riconoscimento a Luigi Fantini (1895-1978) una persona che amava la terra dove viveva, sopra e sotto, i monti, le valli e i torrenti, la sua natura e la sua storia concludendo le sue missive con un: «Piacerebbe firmarmi: Luigi Fantini. Ricercaro Appenninico».

Giancarlo Fabbri

Annunci

Informazioni su savenaidice

Giornalista freelance
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...