Venti giorni di burattini dentro e fuori dalle quinte

Immagine

L’attore e burattinaio Pierluigi Foschi de La Garisenda accanto alla sua “baracca” (o “casotto”) 

Ozzano (Bologna) 

Sin dai secoli scorsi i burattini della tradizione bolognese, anche se hanno la testa di legno, hanno in sé il potere di attirare e divertire tutti, grandi e piccoli cittadini di ogni cultura e ceto sociale. I burattini piacciono ai bambini perché sono maschere, zanni, giullari, pagliacci. Piacciono anche agli adulti di tutte le età perché, come fu per il Teatro dell’Arte, rappresentando caratteri e difetti dei vari strati della società spesso dicono verità scomode irridendo i potenti di turno.
E alle teste di legno Ozzano (Bologna) dedica il terzo “Festival dei Burattini” che si svolge dal 3 al 23 novembre per la promozione, e la conoscenza, del teatro di figura come patrimonio popolare e culturale. Un festival che non comprende solo recite ma anche un convegno, conferenze e laboratori creativi tutti a ingresso libero e gratuito.
Questo evento è organizzato dall’associazione culturale ozzanese La Garisenda, presieduta dall’attore e burattinaio Pierluigi Foschi con il patrocinio di Regione, Provincia, Comune e Proloco di Ozzano e dell’associazione nazionale Uilt. La direzione artistica è di Pierluigi Foschi e Magda Ignat. Per informazioni: 051.796416; 338.2709023; info@teatrolagarisenda.com; http://www.teatrolagarisenda.com
Il festival prenderà il via alle 16 del 3  novembre, nella sala Città di Claterna di piazza Allende 18, con un convegno sull’importanza del burattino e del teatro di figura in educazione a cura del professor Mariano Dolci, del dottor Giampaolo Borghi consulente scientifico e assessore alla cultura di Argelato, e del burattinaio Romano Danielli. A seguire rinfresco e spettacolo “Le fiabe di Leonardo”, prodotto da La Garisenda, con il commento musicale dal vivo di Riccardo Farolfi.
La sala Città di Claterna di piazza Allende, nel palazzo della cultura ospiterà altri spettacoli alle 18 del 4, 5, 6, 7, 8, 9 e 12 novembre; alle 16 del 10 laboratorio di costruzione di burattini a cura di Magda Ignat. Il 16 e 23 novembre, alle 17, gli spettacoli si terranno, invece, nella nuova sala Raparelli di via degli Orti 16 sede della Proloco ozzanese.

Giancarlo Fabbri

Annunci

Informazioni su savenaidice

Giornalista freelance
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...