“Azzorre” un nuovo libro di Francesca Mirri

Immagine

San Lazzaro (Bologna) 

«Perché non scrivi ciò di cui ci racconti? Ci sembra di vederle, queste isole di cui ci parli, di sentirne gli odori, i sapori… ». Queste le tante sollecitazioni degli amici, già alcuni anni fa, alla scrittrice Francesca Mirri già autrice del romanzo autobiografico “Il paese della mia anima” (Girardi, 2012). Infatti, ma solo dopo aver rotto il ghiaccio con la pubblicazione del suo primo libro, Francesca si è infine decisa a raccontare le sue Azzorre. E’ appunto di questi giorni la pubblicazione del libro “Azzorre. Viaggi, incontri, esperienze, emozioni di una mamma nell’arcipelago portoghese dal 1989 a oggi” (Girardi, 2013).
Il volume sarà presentato alle 11 di domenica 20 ottobre nella libreria “L’Isola che non c’era”, in via Repubblica 92 a San Lazzaro, con l’autrice e la partecipazione dell’attrice teatrale Barbara Bertoni che ne leggerà alcuni brani tra i più significativi. L’ingresso è libero.
Come riferisce Francesca nella presentazione editoriale «sospinta dagli amici ho quindi cercato di fissare le emozioni di questa scoperta, l’entusiastico godimento e la gioiosa meraviglia che si rinnovano ogni volta che ritorno in quei luoghi, ogni volta che il pensiero mi riporta lì.
Vorrei che la mia scrittura esercitasse quella magia forte che suscita nel lettore il desiderio di farne esperienza diretta, e di riempirsi gli occhi e il cuore di tanto splendore. Io vi accompagnerò per mano, e l’amore per la natura incontaminata vi riconcilierà col mondo intero e con voi stessi: ritornerete più ricchi, più generosi, più giovani».
Francesca Mirri, bolognese di nascita, ha vissuto a Medicina fino al 1974 prima di trasferirsi a San Lazzaro dove vive e scrive. Laureata in lettere ha insegnato a lungo italiano e latino nelle scuole medie impartendo lezioni anche agli studenti dei licei e degli istituti tecnici. Francesca ha partecipato a concorsi letterari nazionali e internazionali, conseguendo per l’originalità del suo scrivere numerosi premi e l’inserimento di poesie e prose in molte antologie.
“Azzorre” è un libro originale dove hanno spazio le emozioni. A tratti si legge come un romanzo, in altri come un diario di viaggi e di esperienze; e poi come una raccolta di liriche scritte… col cuore.

Giancarlo Fabbri

Annunci

Informazioni su savenaidice

Giornalista freelance
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...