L’Auser ha la solidarietà nel suo Dna

Immagine

Pianoro (Bologna)

Perché associarsi all’Auser e impegnarsi in attività di sostegno agli enti pubblici locali nei servizi culturali, sociali, nell’assistenza agli anziani e ai portatori di handicap? Una delle risposte è che forse anche noi un giorno avremo bisogno dell’aiuto di persone che si sono dedicate al volontariato e alla solidarietà sociale e umana. Infatti il volontariato è un atto di umanità che diventa sempre più raro.
Un’altra è che per i tagli alla spesa, e alla riduzione dei finanziamenti, le amministrazioni locali e le istituzioni sanitarie e culturali non ce la fanno più a mantenere ancora qualità e quantità dei servizi offerti al pubblico senza aumentare imposte, canoni, rette e tariffe.
Ma potremmo anche dire che avendo del tempo disponibile, anche poco, il dedicarlo ad attività socialmente utili ci arricchisce con nuove esperienze gratificanti anche dal punto di vista personale e nei rapporti con altre persone che apprezzano il nostro impegno verso di loro.
Ognuno di noi può poi scegliere un tipo di attività dove può mettere a frutto professionalità acquisite o, anche, imparare cose nuove per fare esperienze gratificanti. I tradizionali campi di azione dell’Auser sono molteplici, e altri se ne possono creare a seconda delle necessità.
Come il supporto all’assistenza domiciliare in collaborazione con il Comune e l’Ausl (compagnia ad anziani, accompagnamenti, piccole manutenzioni), interventi in case protette per la socializzazione e la cura delle persone, sostegni alla disabilità, tutela dei bambini, tutela dell’ambiente, cura del patrimonio artistico, sostegno alle attività culturali, vigilanza a biblioteche, mostre ed esposizioni, eccetera.
L’Auser è un’associazione nazionale, per l’autogestione dei servizi e la solidarietà, costituitasi su iniziativa del sindacato dei pensionati Spi-Cgil e della stessa Cgil. A Bologna è sorta nel 1991 con lo scopo di realizzare il diritto degli anziani a essere ancora protagonisti attivi e parteci-pi nella vita delle comunità. L’Auser combatte la solitudine, l’abbandono e l’esclusio-ne, valorizzando esperienze, conoscenze e capacità degli anziani che si mettono a dispo-sizione di chi ha bisogno.
Nel Comune di Pianoro gli iscritti, in crescita, sono già oltre 120 e la sede dell’Auser, in via Grillini 12, è aperta il giovedì pomeriggio dalle 14 alle 16.30 (051.777234). Per informazioni e adesioni rivolgersi al coordinatore Gianni Conti: conti.gianni@ymail.com; 328-7655609.

Giancarlo Fabbri

Annunci

Informazioni su savenaidice

Giornalista freelance
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...