E’ morta Luna, la “regina” di piazza Bracci

Immagine

San Lazzaro (Bologna) 

Da qualche giorno ad accogliere i clienti dell’edicola sulla via Emilia, a San Lazzaro (Bologna), non c’è l’undicenne Luna, che in vita fu nominata “regina di piazza Bracci”, deceduta dopo una malattia. Luna però non è una bambina ma un cane femmina, meticcia o di razza non ben definita, che fu liberata da un canile circa nove anni fa, e che da allora, per la sua dolcezza e mitezza è sempre stata l’attrazione della centralissima edicola di Tullio Cerioli e Giuseppe Fenu.
Luna era un cane da carezze. Ci sono infatti cani da compagnia, da guardia, da lavoro, poliziotti o guide per ciechi, mentre Luna era un cane che attirava carezze da tutti. Adulti e bambini giunti all’edicola non mancavano di farle complimenti e lei li accettava. Con Cerioli, che molto probabilmente si sentiva più amico che proprietario, ad ammettere che «molti venivano anche da altre località vicine, con la scusa del giornale o delle riviste, per fare complimenti alla cagnolina». E fino all’ottobre scorso non mostrava problemi di salute.
Infatti fino all’ottobre del 2012 Luna, l’orgoglio di Tullio Cerioli contitolare dell’edicola, era sempre stata senza guinzaglio ma sempre accanto alla rivendita, in piedi o accucciata accogliendo la gente con uno scodinzolio. Purtroppo, come dicevano i principi dei fori, “dura lex, sed lex”: la legge è dura ma è legge e deve essere uguale per tutti.
Già nella primavera dell’anno scorso alcuni proprietari di cani, multati dalla polizia municipale di San Lazzaro, per aver lasciato liberi i loro animali in vie, luoghi e parchi pubblici, avevano puntato il dito sulla mite Luna da ben oltre un lustro in piazza Bracci ma però sempre priva del guinzaglio. Gli agenti, pur conoscendo l’animale e la sua indole affettuosa, si erano sentiti il dovere di consigliare a Cerioli di mettere il guinzaglio Luna che non comprendeva le ragioni di quella che sentiva come una punizione. Infatti lei non sapeva di latino.
Fino a qualche tempo fa lei, regalmente, accettava ancora le carezze. Lasciava fare ma non più con l’allegria e la gratitudine che dimostrava fino alla perdita della libertà dovuta al guinzaglio. Dal momento che l’avevano legata all’edicola con un guinzaglio si era avvilita e, mogia, non scodinzolava più quando vedeva qualcuno, soprattutto bambini, avvicinarsi alla rivendita di giornali e riviste. Ora la regina Luna non c’è più lasciando l’edicola, e la piazza, un po’ più vuota.

Giancarlo Fabbri   

Annunci

Informazioni su savenaidice

Giornalista freelance
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a E’ morta Luna, la “regina” di piazza Bracci

  1. federico1974 ha detto:

    povero tesoro ci manchera’ almeno a me tantissimo

  2. Manuels Barone ha detto:

    Ciao Luna eri veramente bellissima e dolcissima!, lassù conoscerai e ti divertirai con un piccolo grande Tesoro il nostro piccolo Pepe salutalo e bacialo da parte nostra.

  3. Mio dio, ci son rimasto malissimo!.. Era un pò di tempo che sembrava disinteressata a tutto.. Avevo fatto l’abitudine a salutarla ogni mattina mentre passavo per andare a scuola. 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...