Concerto d’organo nel giorno dell’Angelo

Immagine

Castenaso (Bologna)

Come da tradizione l’annuale rassegna musicale “Organi antichi, un patrimonio da ascoltare”, giunta alla venticinquesima edizione prende il via il lunedì di Pasqua, a Castenaso (Bologna), nella storica chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista in via Tosarelli 71/2. Alle 20.45 di lunedì 1 aprile si eleveranno nella navata le prime note del concerto con esecutori l’organista Marcello Rossi, il trombettista Paolo Bacchin e il soprano Piera Pelanda in un programma di composizioni di Georg Muffat, Johann Rosenmuller, Johann Sebastian Bach, Johann Adm Reincken e di Georg Friedrich Handel. L’ingresso è libero.
L’evento è organizzato assieme all’associazione culturale “Organi antichi, un patrimonio da ascoltare”, con direttore artistico Andrea Macinanti, per il valore dello strumento della chiesa castenasese. In San Giovanni Battista è infatti conservato un organo costruito da Giuseppe Guermandi, nel 1845, e modificato da Abele Marenzi nel 1909. Lo strumento collocato nel presbiterio in cantoria, dove mostra una facciata con 23 canne disposte a cuspide con ali, fu gravemente danneggiato durante la seconda guerra mondiale e infine restaurato nel 1992, da Francesco Paccagnella utilizzando il materiale superstite.
Il Comune di Castenaso aderisce quasi dall’inizio alla rassegna che diffonde la conoscenza degli organi antichi, e della musica d’organo, in chiese del territorio bolognese le quali, per l’occasione, diventano infine ottime sale da concerto; a volte le uniche della loro zona. Sul sito dell’associazione Macinanti esprime soddisfazione per 25 stagioni «dove abbiamo proposto quasi seicento concerti per far conoscere l’organo a un pubblico sempre più ampio». Ma anche amarezza. «Sarebbe lecito – scrive Macinanti – immaginare che in tanti anni il fenomeno “Organi antichi” fosse stato notato e sostenuto da chi ha le redini economiche che alimentano la cultura bolognese. Ma così non poteva essere a Bologna, il cui declino culturale discende anche dalle velenose gelosie che compromettono il lavoro di chi, per sua sfortuna, non appartiene a determinate caste sociali, economiche e politiche».

Giancarlo Fabbri

Annunci

Informazioni su savenaidice

Giornalista freelance
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...