Il “Lazzarino d’oro” a Edo Ansaloni

Immagine

San Lazzaro (Bologna)

Domani 16 dicembre, in occasione della ricorrenza di San Lazzaro, patrono della città, il centro sociale “Malpensa” assegnerà il premio “Lazzarino d’oro”, inventato da Franco Grazia e istituito nel 2004 per onorare quelle persone che abbiano dato lustro e fatto conoscere la città del santo mendico. E il personaggio del 2012 è Edo Ansaloni.
Vivaista per tradizione familiare, poi collezionista di veicoli di ogni genere, Edo, classe 1925, la mattina del 21 aprile 1945 ebbe la fortuna di fotografare e filmare i soldati alleati che entravano in Bologna; e la festa in Piazza Maggiore di una città finalmente liberata.
Fu proprio quel giorno a segnare la sua vita; si era infatti subito innamorato di Jeep Willis; non una donna ma la spartana ed efficiente auto delle forze armate Usa. Un amore a prima vista con il giovane che mise a frequentare le aste di residuati che al tempo furono anche l’opportunità di utilizzare ex veicoli militari per usi civili o da lavoro.
Riuscì ad acquistarne una dando inizio alla sua collezione di veicoli di ogni genere, compreso un carro armato Usa Sherman M4A3 con un cannone da 75 millimetri. Edo Ansaloni è poi il primo, e unico, non americano a essere inserito, nel 2007, nella “Hall of Fame” (Galleria dei famosi) a Reno, nel Nevada (Usa), per il motorismo fuoristrada. Fu infatti, in Italia, il promotore del fuoristradismo e cofondatore, nel 1969, del Club Nazionale Fuoristrada. E come pilota vinse numerose gare, nazionali e internazionali, cimentandosi in percorsi da Camel Trophy solo per il puro piacere di mettersi in gioco.
Dall’esperienza della guerra, della liberazione e dalla passione del collezionismo nacquero a fianco dei cimiteri militari polacco e del Commonwealth, in via Giuseppe Dozza a Bologna, il Museo del Grigioverde, il Parco delle Emozioni e il Museo Memoriale della Libertà inaugurato il 21 aprile del 2000. Museo, forse è più conosciuto all’estero che qui (chiuso il lunedì), che merita di essere conosciuto e visitato, e non solo dalle scolaresche, anche in occasioni diverse dalle commemorazioni storiche come nella Giornata della Memoria o, il 25 aprile, della liberazione e della fine della guerra. Info: 051.461100; http://www.museomemoriale.com; http://www.parcodelleemozioni.com.

Giancarlo Fabbri

Annunci

Informazioni su savenaidice

Giornalista freelance
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...